Una idea, un progetto

Se avessi chiesto ai miei clienti cosa avessero voluto, mi avrebbero risposto un cavallo più veloce (Henry Ford)

labelcert

Come è iniziato tutto

Il progetto ETICHETTA PARLANTE è iniziato nel 2013 tramite la sperimentazione di applicativi software e l'utilizzo di tag NFC su vari prodotti.

Tuttavia il progetto ha acquisito una forma concreta nel 2014, a seguito di una emanazione regionale (DGR del Veneto n. 2583 del 23 dicembre 2014) e successivamente presa in carico da parte di Unioncamere Veneto della gestione del progetto.

Come è ben descritto sul sito di Unioncamere del Veneto (cui si rimanda per ulteriori informazioni):

Etichetta parlante è l’innovativo e rivoluzionario sistema di etichettatura per la tracciabilità dei prodotti tessili ed abbigliamento a tutela delle pmi e del consumatore.

Da progetto-pilota è passato a servizio pieno regime sul territorio regionale e nazionale, allo scopo di fornire un percorso di completa tutela della tracciabilità del Made in Italy – ma non solo – diretto alla certificazione dei prodotti della filiera tessile e dell’abbigliamento. Ideato e realizzato dalle organizzazioni regionali venete di Confartigianato Imprese, Cna, Confindustria e Confesercenti, sezioni moda, grazie al coordinamento del Tavolo regionale della Moda, sposato dall'Assessorato regionale allo Sviluppo Economico ed Energia con il diretto coinvolgimento di Unionfiliere chiamata a certificare e verificare le linee produttive tramite il suo sistema TF-Fashion e di Unioncamere del Veneto.

Fra gli applicativi della piattaforma Etichetta parlante – consultabile dal link www.labelcert.it – sono utilizzabili dalle pmi ben 3 interfacce: - l’interfaccia Produttore, per la gestione dei prodotti, della propria filiera e del proprio mercato che prevede una login sicura tramite autenticazione criptata e l’utilizzo di un token di scambio tra App e server; - l’interfaccia B2B con la mappa e i profili dei produttori certificati; - l’interfaccia Mobile, sia web che su App con la scheda prodotto dinamica e la possibilità di leggere l’etichetta tramite lo smartphone.
Etichetta parlante è nata con l'obiettivo di voler tutelare il consumatore e permettere la tracciabilità dei prodotti in modo NON AUTOREFERENZIALE e con una solida garanzia a livello istituzionale.

Le evoluzioni e il futuro

Sin dall'inizio del progetto pilota Etichetta Parlante ha visto la partecipazione di enti territoriali e associazioni di categoria che attivamente hanno deciso di aderire e di dar il loro contributo.

Agli inizi del 2019 Etichetta Parlante si è arricchita di un ulteriore contributo, estendendo la propria visibilità oltre i confini nazionali, tramite l'integrazione con il network TCBL (cui si rimanda per ulteriori info), per dare sempre più spessore e vita ad un progetto nato con un obiettivo di pubblico servizio.

Etichetta Parlante, o labelCert™, il rispettivo marchio unificatore delle varie declinazioni della stessa, non è solo tessile o abbigliamento, ma sono già stati sperimentati progetti con evoluzioni e personalizzazione nel mondo dell'occhialeria, del calzaturiero ed è presente con una versione "Food" per il rispettivo settore.